Per potere comprendere appieno la magia che emana la meravigliosa terra della Cambogia, non bisogna mai dimenticare che la Storia, le tradizioni culturali dell’Impero Khmer sono la Storia del popolo cambogiano, un popolo gentile, sensibile,  nonostante gli orrori che il genocidio perpetrato da Pol Pot qui ha riversato! Grande  è l’ospitalità della gente locale nei confronti dei Viaggiatori e dei turisti, come splendidi sono i sorrisi che qui troverete sui volti di bimbi, donne, uomini, giovani e anziani: un invito a visitare questa Terra nel pieno rispetto dell’ambiente,  della cultura  e delle tradizioni locali non è mai di troppo per un Visitatore che davvero vuole vivere le Emozioni che questo Viaggio saprà donare … Ma ora Viaggiamo Insieme!

 Un piccolo cenno alla Storia sull’Impero Khmer …

Che il sito archeologico di Angkor sia uno dei più affascinanti e vasti al mondo è cosa ben nota, ma ciò che contraddistingue un Viaggio nella meravigliosa Cambogia ed una sosta di più giorni nella zona di Angkor, è la scoperta delle intense Emozioni che questa parte di mondo sa donare, emozioni che provengono dalla sua gente, dalla sua prorompente Natura e dalle radici storiche tramandate a Noi attraverso l’immenso Patrimonio delle Arti, della Storia, della cultura dell’ architettura, della religione, e persino dell’ idraulica e della Scienza del popolo Khmer,  sin dal periodo d’oro dei Regni di Angkor.

L' impero dei Khmer, a suo tempo comprendeva i territori della Cambogia, della Thailandia, del Vietnam, del Myanmar e del Laos: in tutta questa vasta area furono costruiti, sotto il regno di Jayavarman II, con grande maestria, centinaia di templi Induisti e monasteri Buddisti, ma il cuore pulsante della vita politica, religiosa e culturale Khmer si era concentrata attorno all’odierna provincia di Siem Reap, un luogo dove templi, città, monasteri, sculture e bassorilievi hanno conquistato e conquistano il mondo, con la loro bellezza antica che sa giungere sin nel profondo dell'anima … Il luogo, ora Parco Archeologico, si chiama Angkor, Patrimonio dell’Umanità UNESCO ( http://whc.unesco.org/en/list/668 ) dal 1992 !!

Angkor però non è solo i favolosi i siti del  Tempio di Angor Wat, o del Bayon venite con me a scoprire un’altra perla di Angkor?

Scopriamo insieme Il Tempio di Banteay  Srei!!   Un piccolo grande tempio nel bel mezzo della foresta ...

L’affascinante e raffinato Tempio di Banteay Srei in arenaria rosa, noto anche con il nome di “Cittadella delle Donne" o "Cittadella della Bellezza" per via delle splendide Devatas raffigurate,  originariamente chiamato Tribhuvanamahesvara e dedicato a Lord Shiva, è un complesso hindu risalente al 10 ° secolo d.C. ubicato a circa 30 chilometri a nord di Angkor Wat, la cui particolarità di lignaggio risiede nell’essere  stato costruito da un dignitario di corte, un bramino di discendenza reale, e non da un Re, così come accaduto per gli altri templi del sito di Angkor.

Sono stati gli stessi archeologi francesi che qui vi hanno lavorato, a definire il Tempio di Banteay Srei, una “gemma preziosa ed un gioiello dell'arte Khmer”. E chi potrebbe contraddirli?

 

La particolarità costruttiva e decorativa di questa autentica perla dell'Arte Khmer è quella di avvicinarsi allo stile proprio dell'arte indiana più che in qualsiasi altro tempio di Angkor, mentre la sua originalità scaturisce dal tocco artistico locale sul tema artistico indiano classicheggiante.

Suscita  una grande Emozione ammirare questa opera architettonica ed artistica da vicino: ci si rende conto che i delicati lavori nell’arenaria somigliano ai lavori del cesello di un abile orefice su pietra!

 

Il santuario fra la giungla, svela una infinita raffinatezza nei bassorilievi e negli elementi decorativi che rappresentano le “Devata o Apsara”(in sanscrito significa fanciulle celesti di grande bellezza ed eleganza), Fiori di Loto, ghirlande, kala (un mostro tutto denti simbolizzante il tempo) …  sono ricamati letteralmente sulla pietra rosata delle colonnine, delle architravi, sui frontoni del tempio,  sulle pareti delle biblioteche e  delle tre torri al centro del recinto!

… le sculture del guardiano Dvarapala (una protezione armata del tempio), svolgono in silenzio da secoli la loro mansione  e nel contempo, ne sono sicura, guardano l’espressione stupita stampata sui visi dei Viaggiatori di ogni tempo, orgogliosi di essere Khmer!!!!

Di seguito un piccolo “pensierino che concilia il Viaggio”: vi lascio il link con la Mappa del “Distretto di Banteay Srei”  -  cliccando sul fondo della pagina che vi si aprirà, potrete fare il download della mappa e iniziare a viaggiare verso questo magico luogo!

Al prossimo Spunto di Viaggio … with Mimma!